FORTES è sede d'esame accreditata dall'Università per Stranieri di Perugia per la certificazione CELI


Una citta’ dalle mille sfaccettature:

teatro-olimpico-2Perché è patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO: Venite a scoprire la Città del Palladio, l’architetto più importante e geniale della Repubblica di Venezia, in grado di ispirare anche la costruzione della Casa Bianca americana.

Perché si propone come il cuore produttivo del Nordest: Vicenza è l’area italiana con più alta concentrazione di aziende, prevalentemente PMI, con forte diversificazione produttiva, al terzo posto tra le Province italiane per export.

Perché è il cuore dei distretti Meccatronici e della Concia: Il Modello dei Distretti è stato descritto da Porter, evidenziando come le PMI si specializzino in fasi produttive specifiche, favorendo lo sviluppo di competenze fortemente specializzate.

Perché è la capitale italiana della lavorazione dell’oro: qui si svolgono le maggiori fiere del settore; la produzione orafa che vanta antichissime origini artigianali è uno dei fiori all’occhiello del “made in Italy”.

Perché è sede di importanti marchi in campo tessile, meccanico, sportivo, alimentare, della plastica riciclata e compostabile.

Perché è vicino ad altre famose città–gioiello: Venezia e i suoi canali, Padova e gli affreschi di Giotto, Verona con la sua Arena e la Casa di Giulietta sono solo alcune delle mete che si trovano al massimo ad un’ora di treno da Vicenza, e si possono visitare in giornata.


… e una Regione da scoprire: Veneto, la locomotivapiazza-signori-palazzo-monte-pieta-1 d’Italia

Dal Dopoguerra, a seguito di un notevole sviluppo industriale, è una delle regioni più economicamente attive d’Europa, con una notevole differenziazione produttiva. Ma non solo: grazie al suo patrimonio paesaggistico, storico, artistico e architettonico, naturalistico è, con oltre 15,7 milioni di visitatori e 63,4 milioni di presenze turistiche all’anno, la regione più visitata d’Italia.


Dopo la crisi, i nuovi modelli

Le fattorie sociali: imprese polifunzionali  economicamente e finanziariamente sostenibili che svolgono l’attività produttiva in modo integrato con l’offerta di servizi culturali, educativi, assistenziali, formativi e occupazionali, in collaborazione con istituzioni pubbliche e con il terzo settore.

Il sistema cooperativo: molte diverse realtà hanno elaborato strategie in grado di unire fini sociali con tecniche di gestione manageriali.

Banca Etica: è la prima banca italiana per il risparmio etico. Finanzia attività ecocompatibili, volontariato e associazioni in Italia e progetti di sviluppo nel terzo mondo, ed opera in rete a livello europeo.

L’agricoltura: da sempre tassello fondamentale, è volano per nuove reti di coltivatori, focalizzati sulla riscoperta di antiche varietà, la promozione dei cibi locali (con 35 prodotti certificati, il Veneto è Regione leader d’Italia), il connubio con il marketing e la social innovation.

Comments are closed.